IL SISTEMA IMMUNITARIO. Che ruolo hanno sonno e alimentazione nel rafforzamento del sistema immunitario del bambino?

Il sonno costituisce circa una parte rilevante della nostra vita. Rappresenta un ampio periodo durante il quale l’organismo si riposa e risparmia energia. Tra le funzioni del sonno vi è sicuramente quella legata al riposo, allo sviluppo cognitivo e all’apprendimento. Un bimbo che dorme male è spesso iperattivo ed agitato e le difficoltà scolastiche e i problemi legati all’apprendimento conseguenti possono dipendere dalla cattiva qualità del sonno. 

Ma anche la salute del sistema immunitario passa anche dal sonno: molto spesso si dice che il sonno può essere la miglior medicina e tale concetto viene sottolineato anche da una ricerca apparsa molto recentemente sul Journal of Experimental Medicine, secondo la quale il sonno può aiutare a combattere varie patologie, tra cui le infezioni, migliorando la capacità di alcune cellule immunitarie di combattere contro virus e batteri provenienti dall’esterno.

È dimostrato  che la carenza di sonno in età infantile inficia il rendimento e indebolisce il bambino. In età prescolare (3-6 anni) il bambino dovrebbe dormire dalle 10 alle 13 ore al giorno, mentre in età scolare (6-12 anni) il bambino dovrebbe dormire 9-12 ore al giorno.

Quindi i più piccoli hanno bisogno didormire più di quanto fanno gli adulti e, troppo spesso, questo non accade, soprattutto durante la settimana di scuola. La stanchezza dovuta al sonno può perciò indebolire il sistema immunitario e rendere i bambini più vulnerabili. 

Uno stile di vita sano passa inevitabilmente anche attraverso l’attività fisica. Fare sport, soprattutto all’aria aperta, aiuta i più piccoli a dormire meglio e a nutrirsi bene. Giocare, mettendo sotto sforzo l’organismo, crea un doppio beneficio: mantiene in salute il fisico e riduce lo stress. Proprio lo stress è uno dei fattori principali nell’indebolimento del sistema immunitario. Mettere a disposizione dei propri figli più tempo libero da dedicare al gioco, al divertimento e allo sport, aiuterà loro a rilassarsi e quindi a stare meglio.

Anche una alimentazione equilibrata, ricca di frutta e verdura durante la crescita può davvero fare la differenza per rinforzare le difese immunitarie. Una dieta varia  consente il giusto apporto di proteine, vitamine, sali minerali e di tutti i componenti necessari per una crescita sana, volta ad aumentare la capacità del sistema immunitario. 

In particolare per quanto riguarda la frutta, agrumi, cachi, kiwi e pomodori sono degli ottimi antiossidanti, perché ricchi di vitamina C. 

Agli adulti spetta naturalmente il compito di dare il buon esempio. Uno studio pubblicato sull’International Journal of Obesity ha evidenziato come i genitori abbiano un ruolo chiave sulle preferenze alimentari dei propri figli. L’osservazione e l’esposizione a un determinato gusto spinge infatti il bambino ad assaggiare ciò che mangiano mamma, papà e gli altri componenti familiari, influenzando così i suoi gusti alimentari, certamente più per imitazione che per obbligo. In altre parole… Più delle parole può l’esempio!

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin