LE PROPRIETA’ DELLA FRUTTA. Quali sono? È scientificamente vero che variarne il colore fa bene alla salute?

La frutta è un alimento ad alta densità nutritiva e a bassa densità calorica, ricca di importanti principi nutritivi. Ha importanti funzioni minerali e vitaminiche, stimola la digestione e può avere proprietà lassative. Esistono differenze nel suo valore nutritivo e nelle sue possibilità di conservazione; queste riguardano la conformazione (la frutta a buccia spesso è più resistente di quella a buccia sottile), il colore (la frutta colorata è molto più ricca di vitamina A e C).

Ecco i principi nutritivi della frutta:

  • elevato contenuto di acqua, dall’80 al 96% del peso! il massimo lo ritroviamo nel cocomero;
  • alto contenuto di vitamine A e C;
  • presenza di sali minerali come Potassio, Magnesio, Ferro, Calcio;
  • ricca di fibra alimentare (cellulosa, emicellulosa e pectina);
  • basso contenuto in proteine e lipidi;
  • buon contenuto di zuccheri (saccarosio e fruttosio), presenti soprattutto nella frutta polposa e zuccherina.

Alcuni esempi

Fichi, banane e ananas forniscono alti livelli calorici e sono più zuccherini di mele, pere, pesche, susine, uva, albicocche, ciliegie, fragole e lamponi. Arachidi, noci, nocciole, mandorle, pinoli e pistacchi contengono un elevato quantitativo di lipidi (50-65%) e proteine (10-20%) oltre ad un discreto quantitativo di carboidrati (15-20%) con un apporto calorico è di circa 600 Kcal.

Diversi colori, diverse proprietà

La frutta contiene sostanze pigmentate che, oltre a renderla attraente alla vista, contribuiscono a funzioni biologiche molto importanti per il nostro benessere. Così un mix di frutta di diversi colori potrà assicurarci di ottenere diversi effetti benefici. 

Il colore verde, ad esempio del kiwi, dovuto all’alta presenza di clorofilla comporta un elevato contenuto di magnesio, acido folico, vitamine C e K.

I colori giallo e arancione in arance, pompelmi, mandarini, limoni, albicocche, pesca è dovuto all’alta concentrazione in flavonoidi, carotenoidi e vitamina C che caratterizzano il loro colore giallo ed arancione. Ad esempio, i carotenoidi, in particolare il betacarotene, sono precursori della vitamina A, la quale ha importanti benefici nella protezione della vista e della salute della pelle. 

Il colore rosso di fragole, ciliegie, anguria, ribes, lamponi, melagrana, arance rosse si riferisce al contenuto in licopene e antocianine. Il licopene è un carotenoide dalle spiccate attività antiossidanti, utile nel contrastare tumori, ipertensione e malattie cardio-vascolari. 

I colori blu e violetto in mirtilli, more, uva, fichi e prugne caratterizzano la presenza di antocianine, vitamina C, magnesio e potassio. Come appena scritto alimenti ricchi di antocianine sono i frutti di color rosso e blu violetto. Le antocianine sono un gruppo di flavonoidi molto diffusi nel regno vegetale, e conferiscono il caratteristico colore rosso-arancio e blu-violetto a molta frutta e verdura. Grazie alla loro struttura chimica sono potenti antiossidanti: neutralizzano i radicali liberi e le molecole ossidanti prodotte dal metabolismo cellulare, esercitando quindi una serie di effetti benefici e protettivi sulla salute di cellule, tessuti e dell’organismo intero.

Il colore bianco di pere, mele, banane, noci, mandorle e nocciole riporta alla presenza di polifenoli, composti solforati, potassio, vitamina C e selenio, sostanze con importanti proprietà antiossidanti, antitrombotiche, anti-ipertensive e antibatteriche.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin